Infezioni nosocomiali


Le infezioni nosocomiali sono tali contratti, mentre il paziente è ricoverato in un ospedale o in una clinica (nosocomium latino). Si tratta di un importante problema di salute pubblica e sono più frequenti durante il ricovero in unità di terapia intensiva.

Quando parliamo di una infezione nosocomiale?

Le infezioni nosocomiali sono quelle che si contraggono in una struttura sanitaria (ospedale, clinica ...) che non erano presenti al momento del ricovero del paziente. Quando lo stato di infezione del paziente di entrare è sconosciuto, l'infezione è considerato nosocomiali se avviene 48 ore dopo l'ospedalizzazione. Se appare entro 48 ore dal ricovero, non è considerato infezioni nosocomiali ma questo è stato fermentando al momento dell'ammissione del paziente al centro.

Sono frequenti?

Il numero totale di pazienti con infezione nosocomiale in Spagna è 7,56%. Una cifra paragonabile a quella registrata in altri paesi europei, in cui si va tra il 6 e il 9%.

Quante morti che provocano?

Contros contratte in salute infezioni sono tra le principali cause di morte e di aumento della morbilità nei pazienti ospedalizzati.

Quali sono i fattori che aumentano il rischio di una infezione nosocomiale?

Indipendentemente dalla via di trasmissione, le condizioni del paziente favorisce la comparsa di una infezione nosocomiale: età e problemi di salute precedenti sono particolarmente importanti. Gli anziani, gli immunocompromessi, neonati (soprattutto neonati prematuri), traumi multipli e ustioni gravi sono il gruppo più a rischio.
Anche alcuni trattamenti possono paradossalmente facilitare l'emergere di un'infezione di questo tipo: i trattamenti antibiotici che squilibrata flora dei pazienti e selezionare batteri resistenti e trattamenti immunosoppressivi.
Le infezioni sono più frequenti quando si eseguono procedure invasive necessarie per il trattamento del paziente: posizionando un tubo o un catetere, ventilazione artificiale o un intervento chirurgico.

Come si contraggono?

Queste infezioni possono essere direttamente associati con i trattamenti (per esempio, l'infezione con un catetere) o semplicemente ridursi durante il ricovero, indipendentemente da qualsiasi intervento medico.

Diversi tipi di infezioni nosocomiali derivati ​​da diverse vie di trasmissione

  • Le infezioni di origine endogena: il paziente è stato infettato con i propri microrganismi, nel corso di un intervento invasivo o fragilità speciale;
  • Le infezioni di origine esogena: può essere infezioni crociate (che vengono trasmessi da un paziente ad un altro attraverso le mani o gli strumenti di lavoro del personale medico), le infezioni causate da microrganismi trasportati da personale o infezioni associate contaminazione dell'ambiente ospedaliero (acqua, aria, tessuti, cibo, ecc).

servizi ospedalieri aumento del rischio

Sono, in ordine decrescente, unità di terapia intensiva, chirurgia e medicina, a seconda della specialità. servizi più basso rischio sono servizi di pediatria e psichiatria. Questi problemi sono ugualmente comuni in unità residenziali a breve, medio o lungo soggiorno.

frequenti infezioni

Fino a pochi anni fa, infezione del tratto urinario è stato l'infezione nosocomiale più comune; Attualmente vi sono infezioni delle vie respiratorie, seguita da infezione delle vie urinarie e del sito chirurgico.

Per saperne di più